donne senza portafoglio. La “prigionia” inizia così [buone notizie. l’impresa del bene]

Share
15 October 2019 RASSEGNA STAMPA

Non solo vessazioni, denigrazioni, pressioni, sberle o botte. Ma anche imposizione del divieto di lavorare, costante controllo su quanto e come si spende, utilizzo delle risorse familiari o contrazione di debiti all’insaputa della donna. “La forma di violenza economica riducono l’autonomia e la possibilità per le donne di essere indipendenti” commenta Claudia Segre presidente e fondatrice di Global Thinking Foundation…

Per leggere l’articolo completo clicca qui