Flop di Trump, l’euro s’impenna – Milano Finanza

Share
19 Luglio 2017 RASSEGNA STAMPA

L’euro ieri è volato sopra quota 1,15 dollari fino a 1,1581, ai massimi da maggio 2016, mentre il biglietto verde è sceso sotto la soglia dei 112 yen. Più corretto parlare quindi di mini dollaro più che di super euro. La forza della moneta unica, che rende più difficili le esportazioni, è stata accolta male dalle borse europee. Domani Draghi potrebbe fare qualche accenno alla situazione con l’intento di frenare l’avanzata della moneta unica. Claudia Segre, presidente di Global Thinking Foundation, ritiene che Draghi «manterrà il recente tono leggermente da falco» ma «allo stesso tempo avrà la necessità di convincere il mercato che i passi» per la riduzione della politica monetaria accomodante saranno molto graduali.

Continua a leggere