GLT Newsletter Ottobre 2017

Share
3 Novembre 2017 NEWSLETTER GLT

 

 

Editoriale:
Donne e inclusione sociale
di Gabriele Iannilli

Con grande piacere ed entusiasmo mi appresto a presentarvi l’editoriale di questo primo numero della newsletter trimestrale della Fondazione Global Thinking Foundation. Un ringraziamento al presidente della Fondazione Dottoressa Claudia Segre alla quale ormai mi lega una amicizia pluriennale.

Donne e inclusione sociale il tempo è adesso verrebbe da dire anche se il momento storico e culturale propone ancora degli squilibri notevoli non solo a livello di Paesi e di zone del Mondo ma anche all’interno di una stessa comunità, azienda o apparato sociale. Nonostante gli sforzi e la presa di coscienza delle problematiche inerenti l’argomento, il grado di esclusione sociale nel mondo è aumentato nel corso dell’ultimo anno a causa degli innumerevoli conflitti che stanno insanguinando diverse parti del globo terrestre. Conflitti vari e a volte poco conosciuti e presi in considerazione dal mondo occidentale che provocano innumerevoli violenze e vittime.

Leggendo l’obiettivo dell’Agenda di sviluppo sostenibile 2030 redatta dall’ONU sembra che per raggiungere tali livelli di inclusione sociale ci siano ancora passi enormi da fare, lacune da colmare attraverso politiche per l’avvio di pratiche inclusive in settori fondamentali come salute, educazione, ambiente, economia, parità di genere e violenza contro le donne. Per il raggiungimento dell’obiettivo target a livello di singolo Paese (la Norvegia è al primo posto per inclusione sociale, la Repubblica Centrafricana all’ultimo) l’Italia dovrebbe compiere uno sforzo doppio rispetto alla Norvegia per avvicinarsi al valore soglia fissato.

Da tale indagine risulta che gran parte della popolazione mondiale vive in Paesi in cui esistono forme gravi o gravissime di esclusione. Scarso accesso all’informazione, bassa qualità dell’ambiente, impossibilità di crescere in un contesto sociale ricco di capitale umano, negato accesso a educazione e salute, sfruttamento economico e del lavoro minorile, violenza domestica: questi sono i fattori che caratterizzano il mondo degli esclusi, un mondo dove le donne sono al primo posto.

Per risolvere queste problematiche non basta investire su singole aree tematiche, bisogna agire con politiche organizzate e ad ampio raggio affinché anche fenomeni di violenza economica, limitazioni di libertà imprenditoriali, e differenze di genere vengano meno.
Il tema dell’identità di genere sarà una nostra peculiarità e ci ripeteremo nel parlare di questo argomento perché il lavoro da fare è ancora molto. Le differenze di genere sono ovunque, limitarle e farle emergere per superarle sono una grande sfida ed il tempo della sfida è adesso!!

La difficile relazione tra le donne e il lavoro
di Claudia Segre

Sono molti ancora gli ambiti lavorativi in cui la presenza femminile è ridotta al minimo. Le perduranti differenze di genere portano sia a fenomeni di violenza economica sia a fenomeni di femminicidio. Intervenire in prevenzione e sensibilizzazione sono le priorità per raggiungere un reale cambiamento.

…leggi tutto

Non è più un lavoro solo per uomini
di Alessandra Orlando

Se un tempo l’attività bancaria era un’attività per uomini perlopiù, ora si è decisamente femminilizzata.
L’attuale processo di digitalizzazione bancaria può offrire autentiche possibilità alle donne che lavorano in banca? Riusciranno ad inventarsi un nuovo lavoro, a “misura di donna”?.

…leggi tutto

Trono di debiti: l’Effetto Trump
di Arianna FilippiI debiti dello studente e il loro peso sulle tasche dei contribuenti e dello Stato americano è diventato un argomento centrale nella campagna presidenziale 2016. Le cifre di tale materia non possono far altro che allarmare la nuova amministrazione.…leggi tutto

Intervista con Nina Gardner
di Daniel Di Segni“Io credo che le aziende stiano cominciando a comprendere a fondo le implicazioni di natura etica e sociale…Credo che dieci anni fa nessun consumatore fosse particolarmente interessato alla catena di approvvigionamento di un suo brand preferito……”.…leggi tutto

La ripetitivita del malessere: riflessioni su un’identità di genere ancora statica e atemporale
di Serena SpagnoloL’identità di genere non è un’identità meccanica e scontata come vorrebbero ancora farci credere. Le donne ancora oggi continuano ad esercitare sempre merginalmente la propria libertà di scelta, basti pensare a quella che oggi……leggi tutto

Game of Loans: The Trump Effect
di Arianna FilippiStudent loans. and its burden on the pockets of tax-payers became a central issue of the US presidential campaign. The matter of federal and private loans devoted to education is a Damocles’ sword over the Treasury, with figures that can not help but alarm the new administration..…read more

They make less and live longer. That’s why retirement planning is so key for women
(The News Tribune)With lesser earnings and savings, women must prepare for longer life expectancy. Unless they have a job that provides a lifetime pension income, this means women need to save more to cover more years in retirement and likely higher medical costs.…read more

Girls believe brilliance is a male trait, research into gender stereotypes shows
(The Guardian)The US-based study shows that young children can be influenced by stereotypes: many girls in fact believe that brilliance and giftedness is more common in men and boys.…read more