Così un anno senza contante ha sconvolto l’India

Share
15 Dicembre 2017 APPROFONDIMENTI

Precisamente un anno fa, alle 8 di sera dell’8 novembre 2016, il primo ministro indiano Narendra Modi annunciò la messa fuori corso, dalla mezzanotte del medesimo giorno, di tutte le banconote da 500 e 1000 rupie, pari all’86% della cartamoneta in circolazione in tutta l’India. La misura a sorpresa, battezzata demonetizzazione, avrebbe dovuto contrastare duramente una serie di problemi di primo piano – evasione fiscale, fondi neri, contraffazione di banconote, terrorismo – grazie al setaccio obbligatorio delle banche e degli uffici postali di tutto il Paese, dove occorreva recarsi per depositare o cambiare le banconote fuori corso per mantenerne il valore nel proprio conto in banca.
Dopo un anno, è tempo di bilanci.

 

Continua a leggere

Share
2 Gennaio 2017 RASSEGNA STAMPA

Per l’India è il secondo mese consecutivo di contrazione del settore manifatturiero, il cui indice è sceso per la prima volta dopo un anno sotto la soglia dei 50 punti, che separa lo stato di espansione economica da quello di recessione.

Continua a leggere

Share
29 Dicembre 2016 RASSEGNA STAMPA

La decisione del Primo ministro indiano Narendra Damodardas Modi di “rottamare” il 90% della moneta cartacea circolante ha sconvolto un Pa- ese che, fino a un mese fa, era considerato il più convincente sfidante dell’egemonia commerciale cinese nell’area asiatica del Nord. Modi ha colto al volo i venti globali di lotta al contante (che vedono in Larry Summers uno dei maggiori fautori del tema) per smorzare la morsa della corruzione e di un’economia sommersa che grava sul Pil del Paese per quasi il 25 per cento.

Continua a leggere

Share
1 Settembre 2016 RASSEGNA STAMPA

In un momento di revival dei mercati emergenti, supportati da flussi di investimento crescenti, l’India torna a brillare tra i listini asiatici grazie anche alle difficoltà dell’Unione europea e degli Stati Uniti per la congiuntura e il dibattito politico sempre più acceso. Non solo, il Paese asiatico, che finora ha vissuto all’ombra della Cina, potrebbe mettersi in luce grazie a una importante riforma fiscale preparata dal governo guidato dal premier Narendra Modi.

Continua a leggere